La Rosa Canina e l’olio di Rosa Mosqueta


La rosa canina  (Rosa canina) è una delle innumerevoli specie di rose selvatiche presenti nelle nostre campagne e sulle nostre montagne. La si trova facilmente lungo i campi abbandonati, ai margini delle strade di campagna, nelle scarpate, ai margini dei boschi e delle radure in siepi alte fino a 3-4 metri.

La rosa mosqueta (Rosa rubiginosa) si trova in particolare sulle Ande ed è un arbusto selvatico derivante dalle piante di rosa selvatica portate in Sud America dai conquistadores spagnoli.

Proprietà della Rosa Canina

Il suo nome deriva dal greco kynos (cane) e rhidin (rosa): rosa dei cani e si riferisce alla presenza di spine simili a denti di lupi feroci o all’antico uso della radice contro la rabbia dei cani.

Il gemmoderivato di giovani germogli ha proprietà immunomodulanti: regola la risposta immunitaria dell’organismo, svolgendo un’efficace azione contro tutte le forme di allergia.rosacanina

La proprietà antinfiammatoria trova un importante impiego terapeutico nelle flogosi acute che comportano alterazioni delle mucose nasali, degli occhi e delle prime vie aeree: per questo la rosa canina è un ottimo rimedio nella prevenzione di allergie, nella cura delle riniti, congiuntivite e asma dovute al contatto coi pollini.

E’ consigliata anche nelle affezioni infantili come otiti, tosse e raffreddore di origine infettiva.

I piccoli frutti (bacche) della rosa canina sono considerati le “sorgenti naturali” più concentrate in Vitamina C: ne contengono in quantità fino a 50- 100 volte superiore rispetto ad arance e limoni.bacche

L’azione vitaminizzante si lega a quella antiossidante dei bioflavonoidi contenuti nella polpa e nella buccia e in questo modo ottimizzano la circolazione sanguigna, favorendo l’assorbimento di calcio e ferro nell’intestino, equilibrando al contempo il livello di colesterolo.

La Rosa Canina è un eccellente tonico per fronteggiare l’esaurimento e la stanchezza; inoltre,  stimola l‘eliminazione delle tossine attraverso la diuresi .

Le bacche hanno un‘azione astringente, utile in caso di coliche o diarrea.

PROPRIETA’ COSMETICHE DELLA ROSA MOSQUETA

Il nome Rosa Mosqueta non identifica una unica specie di rose, deriva infatti dal nome delle piante di rosa selvatica portate dai conquistadores spagnoli in Sud America, prevalentemente Rosa Moschata e Rosa Canina e Rosa Englanteria.

(Wikipedia – Rosa rubiginosa)

La  Rosa Mosqueta è ottima per i suoi effetti cosmetico-dermatologici, poiché stimola i processi di rigenerazione delle membrane cellulari e quindi il rinnovamento dei tessuti cutanei.

E’ efficace nel trattamento di:

• cicatrici;
• smagliature;
• scottature solari;
• macchie di vecchiaia;
• attenua le rughe di espressione;
• agisce sull’invecchiamento prematuro dei tessuti cutanei;
• sulla pelle secca e sciupata;
• rigenera i capelli.

L’olio di rosa mosqueta, che viene estratto dai semi del frutto, è un rigenerante naturale che rivitalizza la pelle eliminando i segni di stanchezza e donando una buona idratazione. Stimola cioè,  il naturale processo rigenerante e rivitalizzante della pelle, aiuta a combattere la perdita di elasticità e invecchiamento della pelle tonificandola.

La sua ricca composizione di acidi grassi aiuta a idratare la pelle di tutto il corpo donando freschezza e tonicità ed eliminando segni quali smagliature, cicatrici, macchie.

Aiuta ad ammorbidire le mani senza lasciare residui.

Modo d’uso dell’olio di rosa mosqueta

L’olio di rosa mosqueta è contenuto in molti prodotti di bellezza (bagnoschiuma, saponi, sieri e trucchi); può essere usato puro o mescolato ad altri oli e creme. 

L’olio di rosa mosqueta è molto sensibile all’aria, alla luce e agli sbalzi di temperatura, e va incontro quindi a un rischio elevato di alterazione, per cui è assolutamente necessario che sia di buona qualità e certificato, affinché mantenga intatto tutto il suo contenuto di sostanze preziose per la pelle.

Annylla

Info

Guida museale, amo leggere, il teatro, l'arte, la fotografia, il cinema, la buona cucina, la natura e gli animali! Ultimamente mi diletto come aiuto beauty blogger.

Tagged with:
Pubblicato su oli, cere e burri vegetali
5 comments on “La Rosa Canina e l’olio di Rosa Mosqueta
  1. […] In caso di disturbi alle ovaie o all’utero, fate un massaggio delicato sulla parte bassa dell’addome utilizzando una goccia di olio essenziale diluita in 2 cucchiaini di olio di rosa mosqueta. […]

    Mi piace

  2. […] la prevenzione e il trattamento delle smagliature: olio essenziale di mandarino, oli vegetali di rosa canina e macadamia, burro di […]

    Mi piace

  3. […] In caso di disturbi alle ovaie o all’utero, fate un massaggio delicato sulla parte bassa dell’addome utilizzando una goccia di olio essenziale diluita in 2 cucchiaini di olio di rosa mosqueta. […]

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Io e CookingBeauty

Romina Serafini

CookingBeauty è publicato da Romina Serafini.

facebook logoinstagram logopinterest logoG+ logotwitter logo

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.090 follower

Categorie
Instagram
Buona Pasqua e felici spignatti di primavera 💚 . #pasqua2019 #progettoblog #cookingbeauty
Non è la cena! Ma abbiamo una ricetta e la trovi sul blog linkato in bio 👈 . #diybathbomb #bombedabagno #cosmeticifaidate #homemadecosmetics #progettoblog #seleggilmioblogseipiueffervescente 💚
Con la madreperla e l'acido salicilico ci ho fatto una maschera viso dalle proprietà leviganti, elasticizzanti e lenitive per la pelle. La ricetta la trovi sul blog (link in bio). La madreperla l'ho ricavata direttamente dai gusci delle ostriche con un procedimento semplicissimo (trovi pure questo sul blog) 😁 Questa maschera, realizzata a pH basso (4,5), ha effetto peeling e, con le proprietà batteriostatiche dell'acido salicilico, diventa un utile trattamento per l'acne. Se non hai brufoli (ho superato l'acne giovanile da un pezzo pure io 😅) è comunque un prodotto interessante per spianare i segni della pelle e stimolare il rinnovamento cellulare. Se vuoi evitare l'azione esfoliante puoi mantenere il PH a 6/6,5. . #cosmeticifaidate #progettoblog #ecobioblogger #cosmesinaturale #acidosalicilico
Nuova ricetta: un classico tra i rimedi da tenere in casa, la pasta all'ossido di zinco. L'utilizzo è adatto a grandi e bambini (anche molto piccoli) in tutte le situazioni in cui la pelle ha bisogno di immediato sollievo: arrossamenti, irritazioni, scottature, eczemi... 👉 Puoi farla a casa con estrema facilità e pochissimi ingredienti. Trovi la ricetta sul blog (link in bio) . #spignatti #rimedinaturali #progettoblog #ossidodizinco #biobeautyblogger
Skincare completa, tutti prodotti homemade che puoi fare da te con le ricette che trovi sul blog (link in bio) 🙂 Scorri le immagini per vederli tutti 👉👉👉 . #autoproduzionecosmetica #homemadeskincare #cosmeticifattiincasa #biobeautyblogger #progettoblog #seleggilmioblogdiventipiubello 💚💚💚
La zolletta non la mangio, è per dopo, doccia e scrub 😁 Ma prima la colazione e buona domenica 💚 Se vuoi realizzare a casa le zollette di doccia scrub, trovi la ricetta facilissima su #cookingbeauty (il mio blog linkato in bio) . #biobeautyblogger #spignatti #progettoblog #seleggilmioblogdiventipiubello #scrubfaidate #diybeautyrecipes

struccarsiClicca sull’immagine per leggere tutti i post dedicati ai metodi e ai prodotti per struccarsi

lifestyle e off-topicClicca sull’immagine per leggere gli altri articoli di CookingBeauty

Switch-to-Green

STG_challengeIl percorso completo per passare alla cosmesi naturale in 21 giorni. Accetta la sfida!

Previously on CookingBeauty
Follow CookingBeauty on WordPress.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: