/ Aprile 22, 2014/ oli, cere e burri vegetali

La rosa canina  (Rosa canina) è una delle innumerevoli specie di rose selvatiche presenti nelle nostre campagne e sulle nostre montagne. La si trova facilmente lungo i campi abbandonati, ai margini delle strade di campagna, nelle scarpate, ai margini dei boschi e delle radure in siepi alte fino a 3-4 metri.

La rosa mosqueta (Rosa rubiginosa) si trova in particolare sulle Ande ed è un arbusto selvatico derivante dalle piante di rosa selvatica portate in Sud America dai conquistadores spagnoli.

Proprietà della Rosa Canina

Il suo nome deriva dal greco kynos (cane) e rhidin (rosa): rosa dei cani e si riferisce alla presenza di spine simili a denti di lupi feroci o all’antico uso della radice contro la rabbia dei cani.

Il gemmoderivato di giovani germogli ha proprietà immunomodulanti: regola la risposta immunitaria dell’organismo, svolgendo un’efficace azione contro tutte le forme di allergia.rosacanina

La proprietà antinfiammatoria trova un importante impiego terapeutico nelle flogosi acute che comportano alterazioni delle mucose nasali, degli occhi e delle prime vie aeree: per questo la rosa canina è un ottimo rimedio nella prevenzione di allergie, nella cura delle riniti, congiuntivite e asma dovute al contatto coi pollini.

E’ consigliata anche nelle affezioni infantili come otiti, tosse e raffreddore di origine infettiva.

I piccoli frutti (bacche) della rosa canina sono considerati le “sorgenti naturali” più concentrate in Vitamina C: ne contengono in quantità fino a 50- 100 volte superiore rispetto ad arance e limoni.bacche

L’azione vitaminizzante si lega a quella antiossidante dei bioflavonoidi contenuti nella polpa e nella buccia e in questo modo ottimizzano la circolazione sanguigna, favorendo l’assorbimento di calcio e ferro nell’intestino, equilibrando al contempo il livello di colesterolo.

La Rosa Canina è un eccellente tonico per fronteggiare l’esaurimento e la stanchezza; inoltre,  stimola l‘eliminazione delle tossine attraverso la diuresi .

Le bacche hanno un‘azione astringente, utile in caso di coliche o diarrea.

PROPRIETA’ COSMETICHE DELLA ROSA MOSQUETA

Il nome Rosa Mosqueta non identifica una unica specie di rose, deriva infatti dal nome delle piante di rosa selvatica portate dai conquistadores spagnoli in Sud America, prevalentemente Rosa Moschata e Rosa Canina e Rosa Englanteria.
(Wikipedia – Rosa rubiginosa)

La  Rosa Mosqueta è ottima per i suoi effetti cosmetico-dermatologici, poiché stimola i processi di rigenerazione delle membrane cellulari e quindi il rinnovamento dei tessuti cutanei.

E’ efficace nel trattamento di:

• cicatrici;
• smagliature;
• scottature solari;
• macchie di vecchiaia;
• attenua le rughe di espressione;
• agisce sull’invecchiamento prematuro dei tessuti cutanei;
• sulla pelle secca e sciupata;
• rigenera i capelli.

L’olio di rosa mosqueta, che viene estratto dai semi del frutto, è un rigenerante naturale che rivitalizza la pelle eliminando i segni di stanchezza e donando una buona idratazione. Stimola cioè,  il naturale processo rigenerante e rivitalizzante della pelle, aiuta a combattere la perdita di elasticità e invecchiamento della pelle tonificandola.

La sua ricca composizione di acidi grassi aiuta a idratare la pelle di tutto il corpo donando freschezza e tonicità ed eliminando segni quali smagliature, cicatrici, macchie.

Aiuta ad ammorbidire le mani senza lasciare residui.

Modo d’uso dell’olio di rosa mosqueta

L’olio di rosa mosqueta è contenuto in molti prodotti di bellezza (bagnoschiuma, saponi, sieri e trucchi); può essere usato puro o mescolato ad altri oli e creme. 

L’olio di rosa mosqueta è molto sensibile all’aria, alla luce e agli sbalzi di temperatura, e va incontro quindi a un rischio elevato di alterazione, per cui è assolutamente necessario che sia di buona qualità e certificato, affinché mantenga intatto tutto il suo contenuto di sostanze preziose per la pelle.

Annylla

Share this Post

5 Comments

  1. Pingback: Oli e Burri Vegetali: sinergie dermocosmetiche | Cooking Beauty

  2. Pingback: Gli oli essenziali: profumi, caratteristiche e utilizzi | Gelsomino | Cooking Beauty

  3. Pingback: Oli e Burri Vegetali: sinergie dermocosmetiche | Cooking Beauty

  4. Pingback: Gli oli essenziali: profumi, caratteristiche e utilizzi | Gelsomino | CookingBeauty

  5. Pingback: Crema viso fai da te, sali minerali e Q10 | CookingBeauty

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*