/ Aprile 12, 2015/ oleoliti

#lestatestarrivando – 70 giorni

Prepariamoci al sole e all’abbronzatura con un prodotto semplicissimo da realizzare e con tante proprietà benefiche per la pelle: l’oleolito di carota.
Leggi le istruzioni per realizzarlo, le proprietà principali per la pelle e i vari suggerimenti per l’uso.

oleolito di carota

Per informazioni generali sugli oleoliti e per gli usi più comuni puoi leggere

Le proprietà dermocosmetiche dell’oleolito di carota

L’oleolito di carota, ricco di Beta Carotene (Vitamina A), vitamine del gruppo B, PP, D ed E, è un alleato importante della pelle.
Stimola la crescita e la riparazione dei tessuti cutanei, mantiene la pelle morbida, giovane ed elastica, è emolliente e lenitivo.
E’ consigliato

  • contro l’invecchiamento cutaneo e i radicali liberi, per attenuare le rughe su pelli mature.
  • Per predisporre la pelle all’esposizione al sole, prevenire eritemi, aumentare l’effetto dell’abbronzatura e prolungarne la durata.
  • Come riparatore doposole.

Come preparare l’oleolito di carota

Il mio metodo è il bagnomaria: le carote sono ricche di acqua e potrebbero irrancidire durante il periodo di macerazione.
Ti occorrono carote fresche, ovviamente, e uno o più oli vegetali. Se utilizzi il sistema a bagnomaria è fondamentali scegliere oli non-termolabili e, in ogni caso, oli che non irrancidiscono facilmente.
Di solito utilizzo 3/4 di olio di riso e 1/4 di olio di jojoba.
L’olio di riso non irrancidisce facilmente grazie all’elevata quantità di gamma orizanolo e tocoferolo naturalmente presenti nel riso. E’ molto consigliato ed è economico.
L’olio di jojoba è molto resistente all’ossidazione, dato l’alto contenuto di vitamina E, ed ha un alto grado di dermo-compatibilità essendo simile al sebo prodotto dalla nostra pelle.
Opzionalmente, dopo il filtraggio, potrai aggiungere ancora vitamina E.
Procurati un barattolo di vetro grande abbastanza da contenere le carote, uno strofinaccio e una pentola grande abbastanza da contenere il barattolo.

#1 prepara le carote

Lavale, lasciale asciugare e tagliale alla julienne.

#2 imbarattola

Versa le carote nel contenitore di vetro e riempi di olio fin quasi all’orlo.

#3 in pentola

Piega lo strofinaccio e deponilo sul fondo della pentola; posaci sopra il barattolo aperto in modo che l’acqua contenuta nelle carote possa evaporare.
Riempi la pentola di acqua facendo MOLTA attenzione a non versare acqua nel barattolo.

#4 bolle

Metti la pentola sul fuoco e porta l’acqua a ebollizione. Lascia bollire a fuoco basso per 3 ore circa. Se necessario aggiungi acqua di tanto in tanto.

#5 filtra

Estrai il barattolo dalla pentola e lascialo raffreddare all’aria.
Con l’aiuto di un passino filtra l’olio in un recipiente pulito, schiacciando bene le carote.
E’ possibile che l’acqua contenuta nelle carote finisca nell’olio. L’acqua, più pesante, si depositerà sul fondo. Travasa l’olio in un nuovo contenitore cercando di evitare di versare anche l’acqua (per quanto possibile).

#6 ri-filtra dopo 24H

Lascia a riposo l’oleolito al riparo dalla luce per 24 ore. Filtra di nuovo utilizzando un panno di lino o cotone o i filtri da caffè.

#7 imbottiglia

Versa l’oleolito in una bottiglia di vetro scuro. Se vuoi aggiungi la vitamina E (0,3-0,5%).
Conserva al riparo da fonti di luce e di calore, anche per un paio d’anni.

Usi & costumi dell’oleolito di carota

Come tutti i macerati oleosi, l’oleolito di carota può essere usato tal quale oppure inserito nelle preparazioni cosmetiche. Nelle emulsioni va aggiunto a freddo in fase C.
L’oleolito di carota è particolarmente adatto per essere utilizzato nei prodotti per pelle secca, sensibile, matura, e nei prodotti doposole.


Tra i macerati oleosi, quello di carota è uno dei più utili per l’estate.
Ora che sai tutto quello che avresti sempre voluto sapere sull’oleolito di carota, non ti resta che prepararlo: ti servirà presto per le ricette cosmetiche che pubblicherò nelle prossime settimane, tutte dedicate all’estate che sta arrivando.
Per info, domande, curiosità e saluti scrivi nei commenti.
Se come me sei una fanatica dell’estate, del mare e del sole, condividi questo articolo sui social con #lestatestarrivando.
Ciao,
SophieCognac

Share this Post

5 Comments

  1. Pingback: Un’estate AL MARE: latte corpo doposole | Ricetta | Cooking Beauty

  2. Pingback: Oli e Burri Vegetali: sinergie dermocosmetiche | Cooking Beauty

  3. Pingback: Oleoliti: proprietà dermocosmetiche e suggerimenti per l’uso | Cooking Beauty

  4. Pingback: BANANAS crema viso doposole | Ricetta | Cooking Beauty

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*