/ Aprile 5, 2017/ ingredienti cosmetici dannosi

Un simpaticissimo elenco di sostanze tossiche che compriamo per rinfrescarci l’alito.
Leggi… per rovinarti l’umore ma smettere di spendere i tuoi soldi in ulteriori veleni!

non comprare il collutorio

Perché non dovresti comprare il collutorio

Sostanze nocive presenti nei collutori in commercio

Ecco cosa puoi trovare in un collutorio che acquisti al supermercato o in farmacia:
(https://it.wikipedia.org/wiki/Collutorio)

ALCOOL

Molti tra i collutori più popolari contengono concentrazioni di alcool più alte rispetto a bevande come vino o birra.
L’alcool ha un’azione irritante sulle mucose e a lungo termine altera il pH della bocca. Insieme a fumo, traumatismi cronici, presenza di determinati virus (appartenenti alla famiglia dei papilloma virus) è una delle principali cause del carcinoma orale.

SORBITOLO

Il sorbitolo (o glucitolo) è un dolcificante.
La sua assunzione non ha solitamente effetti collaterali, ma alte dosi o in soggetti intolleranti può provocare diarrea.

FLUORURO DI SODIO (Sodium Fluoride)

L’assocazione statunitense Environmental Working Group (EWG) riporta diversi studi che mostrano come il fluoruro di sodio sia legato al cancro, a disturbi nervosi e al cervello, tossicità muscoscheletrica.

SACCARINA DI SODIO (Sodium Saccarin)

La saccarina di sodio è un dolcificante artificiale (da non confondere col saccarosio che è lo zucchero). La saccarina di sodio ha un potere dolcificante 300 volte superiore a quello dello zucchero. E’ praticamente privo di calorie e spesso viene usato in sostituzione dello zucchero e nelle versioni light delle bibite gassate (non confondere con l’aspartame).
Fin dagli anni sessanta diversi studi hanno suggerito che la saccarina fosse cancerogena per gli animali.
E’ ancora commercializzata con l’obbligo di indicare i potenziali pericoli della saccarina sulle etichette dei prodotti che la contengono.

BENZOATO DI SODIO (Sodium Benzoate e Benzoic Acid)

Il benzoato di sodio è utilizzato come conservante antimicrobico (E210, sostanza particolarmente tossica in quantità inferiore ad un grammo) e come additivo alimentare (E211) in qualità di conservante.
E’ consentito l’uso nei cosmetici fino a una concentrazione massima dello 0,5%.
Esistono studi della FDA secondo cui, in particolari condizioni, in presenza di acido ascorbico (vitamina C) si possono formare tracce di benzene, un noto cancerogeno.

POLOSSAMERO 407 (Poloxamer 407)

Il Polossamero 407 è un tensioattivo derivato dal petrolio, potenzialmente contaminato con 1,4-diossano e ossido di etilene, impurità legate al cancro al seno.

TRICLOSAN

Il triclosan ha struttura molecolare e formula chimica simili a quelle di una delle sostanze più tossiche esistenti: la diossina!
Il triclosan è una sostanza creata intorno agli anni ’60 per combattere e prevenire le infezioni negli ospedali. Si tratta di un composto molto stabile in grado di penetrare attraverso i pori della pelle e accumularsi nell’organismo.
Viene sfruttato per le sue proprietà antibatteriche.
Gli antibatterici, in generale, analogamente a quanto avviene con l’uso dei farmaci antibiotici, uccidono sia i batteri “cattivi” che quelli “buoni”. Questi ultimi promuovono il rilassamento dei vasi sanguigni; la loro carenza può causare un aumento della pressione sanguigna con conseguente potenziale attacco di cuore, ictus e altri eventi correlati all’ipertensione.

CLOREXIDINA

I collutori alla clorexidina (0.2%) sono utilizzati nella prevenzione d’infezioni dentali dopo un intervento dentistico e nella cura di gengiviti ed altri tipi d’infiammazione nel cavo orale. A concentrazioni inferiori, i collutori alla clorexidina (0.05%) possono essere utilizzati per combattere l’alitosi, compresa la sua forma patologica.
Non richiedono prescrizione medica sebbene un dosaggio eccessivo (assunto sottoforma di sciacqui orali) e prolungato nel tempo potrebbe comportare rischi ed effetti collaterali anche gravi soprattutto a livello cardiovascolare.


Se la tua giornata non fosse ancora completamente rovinata puoi continuare a leggere qui: elenco ingredienti cosmetici potenzialmente DANNOSI.
Va bene, basta.
SophieCognac

Share this Post

7 Comments

  1. Pingback: Collutorio naturale: la ricetta per realizzarlo a casa | Cooking Beauty

  2. Pingback: Elenco ingredienti cosmetici potenzialmente DANNOSI | Cooking Beauty

  3. Pingback: Ayurveda: 2 semplici rimedi per la salute di denti e gengive | Cooking Beauty

  4. Pingback: Ayurveda: 2 semplici rimedi per la salute di denti e gengive | CookingBeauty

  5. Pingback: Collutorio naturale: la ricetta per realizzarlo a casa | CookingBeauty

  6. 😀 ahahahah, sono così contenta di leggere questi post contro prodotti dannosi, che non ne hai idea.
    Ultimamente ho avuto a che fare con persone che hanno cercato di scoraggiarmi dicendomi che non posso cambiare le idee altrui scrivendo e dicendo cosa fa male e cosa fa bene perché non c’è un assoluto per tutti e tutto.
    Non sono riuscite a buttarmi giù perché meglio informarsi e eliminare anche pian piano tutto quello che è dannoso.

    1. Ciao Roberta 🙂
      Conoscere e avere una visione più ampia ci aiuta a farci un’idea più precisa. Poi ognuno è libero di scegliere come ritiene opportuno.
      Io continuerò a condividere le mie idee e le mie conoscenze sperando di essere utile nel mio piccolo. Continua a farlo anche tu senza demoralizzarti per i muri che troverai davanti.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*