/ Aprile 6, 2017/ prodotti per l'igiene personale

“Io ce l’ho profumato”

Puoi dirlo se provi a realizzare a casa questo collutorio naturale, per alito fresco e una migliore igiene orale.
Ricetta facile, veloce, economica e naturale.

collutorio naturale ricetta

A che serve il collutorio?

Il collutorio è un prodotto per l’igiene orale. Il suo utilizzo, abbinato all’uso regolare di dentifricio e filo interdentale, aiuta a prevenire placca, carie e alitosi.
E’ utile soprattutto perché riesce a raggiungere parti della cavità orale in cui lo spazzolino non arriva.

Perché farlo in casa?

Perché molti dei collutori  in commercio, alcuni ampiamente pubblicizzati, contengono sostanze che possono nuocere gravemente alla salute.
Se non l’hai già visto, puoi leggere qui perché non comprare il collutorio.

La formulazione base del collutorio

La formulazione base di un collutorio ha, indicativamente, questa composizione:

  • Acqua demineralizzata / idrolati
  • Umettanti 5%
  • Detergenti 0,5%
  • Principi attivi 0,5% (idrosolubili)
  • Aroma 0,1%
  • Colore q.b.
  • Regolatori pH 8 – (l’ambiente basico della cavità orale contrasta la formazione di batteri e carie)
  • Conservante

Puoi usare colori e aromi alimentari evitando quelli che contengono zuccheri.
Per regolare il pH puoi usare acido citrico (per abbassare) e bicarbonato di sodio (per alzare).

La mia ricetta del collutorio naturale fai da te

INGREDIENTI (per 100 g):

  • Acqua demineralizzata/distillata o idrolato di menta – 85 g
  • Glicerina – 4%
  • Gel di aloe vera – 10 g
  • Sodium lauroyl sarcosinate – 0,5 g
  • Xilitolo – 0, 5 g
  • Acido citrico / Bicarbonato di sodio qb a pH 8

Se vuoi puoi aggiungere qualche goccia di colorante naturale per dolci (assicurati che non contenga zuccheri).
Questa formula non prevede il conservante. Il pH basico non è favorevole alla proliferazione batterica ma il prodotto va conservato in frigorifero e utilizzato entro 2 settimane al massimo.
L’idrolato di menta lo trovi su molti siti che vendono materie prime cosmetiche.
Il gel di aloe vera, le cui molteplici qualità sono descritte in questo articolo, è reperibile anche al supermercato (assicurati della purezza) o puoi produrlo tu stesso leggendo qui come preparare il gel di aloe vera.
Il sodium lauroyl sarcosinate è un tensioattivo delicato ricavato dall’olio di cocco, adatto anche ai dentifrici. Puoi acquistarlo sui siti di materie prime cosmetiche.
Lo xilitolo viene estratto da betulle, fragole, lampone, prugna e anche dal grano. E’ utilizzato come additivo alimentare, soprattutto nelle gomme da masticare.
E’ un dolcificante amico dei denti. Aiuta nel prevenire la carie e favorire la rimineralizzazione di piccole lesioni. Riduce la formazione della placca e dei microrganismi che causano la carie. (Wikipedia – xilitolo)
Puoi acquistarlo su ZenStore.
Ho evitato di inserire gli aromi poiché l’idrolato di menta e, soprattutto lo xilitolo, sono sufficienti a conferire alla soluzione un gusto fresco.
PROCEDIMENTO:

  • In un contenitore (di acciaio inossidabile o vetro) versa l’acqua (o l’idrolato) e lo xilitolo. Mescola per sciogliere bene.
  • Aggiungi il gel di aloe vera e mescola.
  • Aggiungi SLS e mescola molto delicatamente evitando che si formi la schiuma.
  • Regola il pH

Versa in una boccetta di vetro da conservare in frigo per un massimo di 2 settimane.


Come anticipato si tratta di una ricetta con pochi ingredienti e un procedimento semplicissimo.
Questo collutorio, piacevole da usare, svolge a dovere la sua funzione senza gli effetti negativi di molti prodotti in commercio.
Se lo fai lasciami un commento per farmi sapere che ne pensi.
Aiutami a combattere l’alitosi nel mondo: condividi questo post sui tuoi social!
Ahhhh,
SophieCognac

Share this Post

12 Comments

  1. Ciao cara, mi chiamo Sara. Ti ho nominata nel Liebster Award. Nell’ultimo post, che ho appena pubblicato, troverai tutte le spiegazioni. In breve è un modo per far conoscere di più i blog.
    Ti auguro una bellissima giornata!

    1. Ciao, grazie 😊 che bella sorpresa!

  2. Pingback: Ayurveda: 2 semplici rimedi per la salute di denti e gengive | Cooking Beauty

  3. Forse mi sfugge qualcosa, come si regola il ph?

    1. Intanto devi poterlo misurare: il sistema più semplice é utilizzare le cartine tornasole.
      Sono delle striscette di carta con delle zone sensibili che assumono colorazioni diverse in base al livello di acidità.
      Per abbassare il pH puoi usare acido citrico (lo stesso utilizzato negli alimenti) o acido lattico, per alzarlo serve una soluzione di soda caustica o, in questo caso, anche bicarbonato

      1. Mamma mia, mi sembra un po’ difficile! Le cartine al tornasole mi evocano ricordi delle scuole medie, quelle rare volte in cui ci portavano al laboratorio…

      2. Ma no è una cosa semplicissima: immergi la cartina nella sostanza di cui vuoi misurare il pH, aspetti una ventina di secondi, confronti il colore della cartina con la scala riportata sulla confezione 🙂
        Le cartine tornasole le trovi anche in farmacia, oltre che online

      3. Grazie dell’informazione, mi piacerebbe provare questo colluttorio homemade, un giorno ci provo. Quanto si conserva?

      4. Ah, mi era sfuggito: hai scritto 2 settimane in frigo! 😉

      5. Si prova! Io mi ci trovo davvero bene.
        Gli ingredienti presenti in questo collutorio sono efficaci nella prevenzione della carie. Puoi alternarlo con altri 2 rimedi, anche più semplici, adatti soprattutto a problematiche gengivali come prevenzione e coadiuvanti, che trovi qui https://cookingbeauty.it/2017/06/20/ayurveda-2-semplici-rimedi-per-la-salute-di-denti-e-gengive/

  4. Pingback: Ayurveda: 2 semplici rimedi per la salute di denti e gengive | CookingBeauty

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*