/ Aprile 28, 2017/ Guest Star, oli essenziali

Care amiche e amici, eccomi di nuovo su CookingBeauty a proporvi interessanti articoli settimanali sugli oli essenziali, le loro caratteristiche ed il loro utilizzo.

Gli oli essenziali

Innanzitutto cos’è un olio essenziale: è il prodotto ottenuto x estrazione a partire da materiale vegetale aromatico, ricco cioè in “essenze“. Gli oli essenziali possono essere ottenuti per distillazione o per spremitura da un’unica tipologia di vegetale, del quale conservano caratteristiche come l’odore e il sapore e, solitamente, portano il nome della pianta dalla quale provengono.

L’olio essenziale può essere presente in varie parti della pianta:

  • Sommità fiorite (lavanda, rosmarino…)
  • Fiori (camomilla, arancio, gelsomino…)
  • Foglie (basilico, eucalipto…)
  • Frutti (anice, finocchio, vaniglia…)
  • Scorza di frutti (bergamotto, limone…)
  • Radici e rizomi (iris, zenzero)

Attenzione: gli oli essenziali sono miscele complesse e concentrate di sostanze chimiche e quindi l’uso senza la supervisione di un medico può essere pericoloso. L’applicazione di oli essenziali puri sulla pelle può portare ad infiammazioni e lesioni della cute e la loro ingestione è potenzialmente mortale. Se ne sconsiglia l’uso nella prima infanzia, in gravidanza e allattamento e nei soggetti affetti da gravi epatopatie e/o insufficienze renali.

Ed ora passiamo alla descrizione del nostro primo olio essenziale.

olio essenziale arancio amaro

L’olio essenziale di Arancio Amaro

Dalla scorza dell’arancio amaro, si ottiene l’olio essenziale. L’arancio amaro ha un’azione energizzante e tonica, aiuta a combattere l’ansia, la depressione, ha proprietà antisettiche utili in casi di acne, eczema, gengiviti, stomatiti e afte, contrasta la ritenzione idrica e quindi combatte la cellulite, dona luminosità alla pelle spenta e aiuta a ridurre le rughe.

Come utilizzarlo

L’unica avvertenza d’uso è dovuta al fatto che l’olio essenziale di arancio amaro risulta fotosensibilizzante, per cui è meglio evitarne l’utilizzo sulla pelle prima di esporsi al sole o prima di fare lampade abbronzanti.

  • In caso di gengiviti, stomatiti, ecc.. si fanno degli sciacqui con azione battericida aggiungendo ad un bicchiere di acqua tiepida 2 gocce di olio essenziale di arancio amaro.
  • In caso di acne, pelle spenta, pelle matura, l’olio essenziale di arancio amaro svolge un’azione antirughe ridando tono alla pelle. Basta mescolare 2 gocce di olio essenziale alla crema per il viso e applicarla di sera.
  • In caso di cellulite o ritenzione idrica, mescolare un cucchiaio di olio d’oliva con 3 gocce di olio essenziale e massaggiare la zona interessata.
  • Per combattere le paure, l’ansia e rinvigorire lo spirito, puoi diffondere l’olio essenziale di arancio amaro nella stanza servendoti di un bruciaessenze o si possono eseguire dei massaggi, nella zona tra l’ombelico e lo sterno, mescolando un cucchiaino d’olio di mandorle dolci e 3 gocce d’olio essenziale di arancio amaro.

Alla prossima!

Annylla

Share this Post

1 Comment

  1. Pingback: 12 Oli essenziali per il viso adatti a diverse tipologie di pelle | Cooking Beauty

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*