Trick or treat? La ricetta delle caramelle gelèe


Dolcetto o scherzetto?

Nessuno scherzetto: sono davvero caramelle da mangiare e sono senza conservanti né coloranti!

Halloween sta arrivando e con Martina e Federica ti suggeriamo idee per dolcetti da preparare in casa, adatti a grandi e piccoli.

Io faccio le caramelle, su GreenWomam trovi i biscotti zucca e se vuoi bamboline woodoo, piccole mummie e scheletrini in pan di zenzero c’è la ricetta di Una fata in cucina.

Trick or treat? La ricetta delle caramelle gelee

La ricetta delle caramelle gelèe

La parte più divertente è che puoi usare gli stampi per fare caramelle dall’aspetto che preferisci. Vanno bene sia gli stampi in silicone che quelli in plastica, anche le vaschette per il ghiaccio.

La ricetta è facilissima e ti occorreranno solo tre ingredienti.

Io ho utilizzato le spremute di arancia e limone ma puoi scegliere il gusto che preferisci sostituendo le spremute con succhi ottenuti con l’estrattore o la centrifuga, regolando di conseguenza la quantità di zucchero.

Per formare la gelatina ho usato l’agar agar, una polvere che si ricava a un’alga e che serve per realizzare gel compatti e fermi. Si usa nell’alimentazione come in cosmetica e puoi acquistarla online o al supermercato nel reparto degli ingredienti per dolci.

Ingredienti per le caramelle all’arancia

  • Spremuta di arance – 100 ml
  • zucchero bianco semolato – 80 g
  • Agar agar – 3,5 g

Ingredienti per le caramelle al limone

  • Spremuta di limoni – 100 ml
  • zucchero bianco semolato – 100 g
  • Agar agar – 6 g

Caramelle gelèe - ingredienti

Preparazione e conservazione

  1. Versa in un pentolino succo e zucchero. Mescola bene e metti sul fornello a fuoco basso. Fai sobollire per circa 10 minuti mescolando sempre. Questo passaggio è necessario solo in caso di succhi acidi, per evitare di compromettere l’effetto gelificante dell’agar agar. Altrimenti puoi saltare direttamente al punto 3.
  2. Togli dal fuoco e lascia raffreddare fino a che succo e zucchero ritorneranno tiepidi.
  3. Aggiungi l’agar agar e mescola bene (NOTA: i succhi più acidi gelificano con più difficoltà: per questo con il limone ho usato una dose maggiore).
  4. Metti di nuovo il pentolino sul fuoco basso. Lascia sobollire per 4 – 5 minuti, mescolando.
  5. Togli dal fuoco e versa negli stampi.
  6. Lascia raffreddare a temperatura ambiente. Il composto, raffreddandosi, solidificherà in un’oretta.
  7. Quando il composto è freddo puoi anche metterlo in frigo.

Se la gelatina non dovesse formarsi perfettamente puoi fondere di nuovo rimettendo sul fuoco e aggiungere ancora un po’ di agar agar.

Puoi conservare le gelatine di frutta in un contenitore con chiusura ermetica, in frigo o a temperatura ambiente in luogo fresco.

Essendo prive di conservanti, le caramelle andranno consumate entro una decina di giorni al massimo.

gelatine di frutta

Puoi servire le gelatine al naturale oppure ricoprirle con lo zucchero, come le classiche gelèe. Lo zucchero semolato si scioglierà a contatto con l’umidità delle caramelle, dovrai utilizzare uno zucchero speciale idrorepellente.

In commercio trovi lo zucchero bucaneve, ma puoi realizzarlo facilmente a casa.

Ricetta per preparare lo zucchero bucaneve

  • Zucchero a velo – 50 g
  • cioccolato bianco – 7 g
  • amido di mais (maizena) – 1,5 g
  • alcool alimentare – poche gocce

Sminuzza il cioccolato bianco. Versa tutti gli ingredienti in un mixer e frulla.


Ed ecco infine, tutte insieme, le nostre ricette per Halloween: non sono simpatiche?

Halloween - Trick or treat?


Se questo articolo ti è piaciuto lasciami un Like e condividilo sui tuoi social.

Per ricevere le notifiche sulle future pubblicazioni di CookingBeauty segui il blog via email o clicca Mi Piace sulla pagina facebook: troverai tutti i link agli articoli del blog ma anche post originali solo per la pagina e i link ai post più interessanti di altri blog.

Alla prossima,

SophieCognac

Tagged with:
Pubblicato su CookingBeauty
4 comments on “Trick or treat? La ricetta delle caramelle gelèe
  1. Federica Carmana ha detto:

    Ciao Sophie!!! A breve chiuderò il blog su wordpress per tornare a quello vecchio, quindi ho spostato lì anche la ricetta delle bamboline voodoo di pan di zenzero. La troverai qui: http://fataincucina.iobloggo.com/80/scheletrini-bamboline-voodoo-e-mummiette-di-pan-di-zenzero

    Piace a 1 persona

  2. Wooow che belle e che buone! I bambini le adoreranno, in più, sono anche senza conservanti quindi, fanno anche bene!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Io e CookingBeauty

Romina Serafini

CookingBeauty è publicato da Romina Serafini.

facebook logoinstagram logopinterest logoG+ logotwitter logo

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.086 follower

Categorie
Instagram
Buona Pasqua e felici spignatti di primavera 💚 . #pasqua2019 #progettoblog #cookingbeauty
Non è la cena! Ma abbiamo una ricetta e la trovi sul blog linkato in bio 👈 . #diybathbomb #bombedabagno #cosmeticifaidate #homemadecosmetics #progettoblog #seleggilmioblogseipiueffervescente 💚
Con la madreperla e l'acido salicilico ci ho fatto una maschera viso dalle proprietà leviganti, elasticizzanti e lenitive per la pelle. La ricetta la trovi sul blog (link in bio). La madreperla l'ho ricavata direttamente dai gusci delle ostriche con un procedimento semplicissimo (trovi pure questo sul blog) 😁 Questa maschera, realizzata a pH basso (4,5), ha effetto peeling e, con le proprietà batteriostatiche dell'acido salicilico, diventa un utile trattamento per l'acne. Se non hai brufoli (ho superato l'acne giovanile da un pezzo pure io 😅) è comunque un prodotto interessante per spianare i segni della pelle e stimolare il rinnovamento cellulare. Se vuoi evitare l'azione esfoliante puoi mantenere il PH a 6/6,5. . #cosmeticifaidate #progettoblog #ecobioblogger #cosmesinaturale #acidosalicilico
Nuova ricetta: un classico tra i rimedi da tenere in casa, la pasta all'ossido di zinco. L'utilizzo è adatto a grandi e bambini (anche molto piccoli) in tutte le situazioni in cui la pelle ha bisogno di immediato sollievo: arrossamenti, irritazioni, scottature, eczemi... 👉 Puoi farla a casa con estrema facilità e pochissimi ingredienti. Trovi la ricetta sul blog (link in bio) . #spignatti #rimedinaturali #progettoblog #ossidodizinco #biobeautyblogger
Skincare completa, tutti prodotti homemade che puoi fare da te con le ricette che trovi sul blog (link in bio) 🙂 Scorri le immagini per vederli tutti 👉👉👉 . #autoproduzionecosmetica #homemadeskincare #cosmeticifattiincasa #biobeautyblogger #progettoblog #seleggilmioblogdiventipiubello 💚💚💚
La zolletta non la mangio, è per dopo, doccia e scrub 😁 Ma prima la colazione e buona domenica 💚 Se vuoi realizzare a casa le zollette di doccia scrub, trovi la ricetta facilissima su #cookingbeauty (il mio blog linkato in bio) . #biobeautyblogger #spignatti #progettoblog #seleggilmioblogdiventipiubello #scrubfaidate #diybeautyrecipes

struccarsiClicca sull’immagine per leggere tutti i post dedicati ai metodi e ai prodotti per struccarsi

lifestyle e off-topicClicca sull’immagine per leggere gli altri articoli di CookingBeauty

Switch-to-Green

STG_challengeIl percorso completo per passare alla cosmesi naturale in 21 giorni. Accetta la sfida!

Previously on CookingBeauty
Follow CookingBeauty on WordPress.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: