Come pulire la cera d’api grezza


La cera d’api che preferisco usare nelle mie preparazioni cosmetiche è quella non raffinata che conserva tutto il suo profumo.

Se prendi la cera d’api grezza direttamente dall’apicoltore, prima di utilizzarla deve pulirla. Qui ti spiego il metodo che uso io.

come pulire la cera d'api grezza

Il mio metodo per pulire la cera d’api grezza

L’operazione di purificazione della cera d’api grezza è piuttosto semplice ma va eseguita scrupolosamente rimuovendo tutte le impurità che, altrimenti, andranno a contaminare i prodotti realizzati con la cera stessa.

Sul web trovi la descrizione di diverse tecniche. Io mi trovo bene con questa.

cera d'api grezza

  • Poni i blocchetti di cera d’api in una pentola e metti sul fuoco a fiamma bassissima.
  • A 40° la cera inizierà a fondere e, man mano, le particelle di sporco più grandi si staccheranno e affioreranno in superficie.
  • Con un cucchiaio in legno cerca di prelevare e rimuovere la maggiorparte delle impurità.

Nel frattempo, prepara una teglia coprendola con un foglio di carta forno.

  • Quando la cera sarà completamente fusa, versala sulla teglia in modo da formare una lastra dello spessore massimo di un centimetro e mezzo.
  • Fai raffreddare fino a quando il composto sarà ancora morbido ma riuscirai a capovolgere la lastra che avrà riacquistato una certa compattezza.

Vedrai che tutte le particelle di sporco si saranno depositate sul fondo della lastra di cera.

cera d'api colata

A questo punto puoi grattarle via utilizzando un coltello o un pela-patate.

pulire la cera d'api

Quando la cera d’api sarà completamente pulita, prima che solidifichi completamente e ritorni ad essere molto dura, ti consiglio di frantumarla in pezzetti da pochi grammi ciascuno, più pratici da usare all’occorrenza.

cera d'api purificata

Nel frattempo la fragranza della cera d’api grezza avrà profumato tutta la tua casa.

E come rimuovere i residui di cera d’api dalla pentola?

Evita di preoccuparti: questa operazione è più facile di quel che sembra 🙂

Riempi la pentola d’acqua. Mettila di nuovo sul fuoco: la cera fonderà di nuovo, si staccherà dalle pareti della pentola e risalirà in superficie.

A questo punto spegni il fuoco e lascia raffreddare. La cera d’api ridiventerà solida e potrai facilmente raccoglierla ber buttarla via.


Questo breve tutorial si conclude qui ma possiamo continuare a parlarne nei commenti.

Alla prossima,

SophieCognac

Pubblicato su rimedi naturali vari
9 comments on “Come pulire la cera d’api grezza
  1. simonetta ha detto:

    La cera la pulisci, con acqua da rubinetto, oppure con acqua che metti nel ferro da stiro?!? GRAZIEEE

    Piace a 1 persona

  2. […] d’api (meglio quella grezza, più profumata – leggi qui come igienizzarla) – 5 […]

    Mi piace

  3. […] Se invece l’hai già presa grezza dall’apicoltore per sapere come pulirla per bene consulta il tutorial di Cooking Beauty: Come pulire la cera d’api grezza […]

    Mi piace

  4. […] Preferisco utilizzare la cera d’api non raffinata per il suo profumo. Se l’acquisti direttamente dall’apicoltore leggi qui come pulire la cera d’api grezza. […]

    Mi piace

  5. Laura Faedda ha detto:

    Quando mi sono cimentata in questa operazione non mi sono documentata quasi per nulla. A stento sapevo cosa fosse un favo. Mi ero procurata della cera di opercolo da un amico apicoltore. L’ho sciolta tutta a bagnomaria e tutte le impurità si sono separate dalla cera e dal miele. Ho provato a filtrare con garze e colino con esito infausto sino a che ho capito che dovevo riempire degli stampini e far solidificare. Una volta solida grattavo via il miele (tantissimo) e lo sporco. Per liberare tutta la cera ho sciolto anche tre volte. La resa è stata bassissima e ho rovinato tutti gli utensili che ho usato. Ho provato a salvare la vetreria in tutti i modi possibili ma senza risultato e alla fine ho buttato tutto. Non pensavo che la cera fosse così difficile da pulire. Una specie di incubo. Alla fine forse conviene comprarla già raffinata. Comunque è colpa mia, certamente se mi fossi documentata avrei fatto meno casino. Ho imparato proprio strada facendo. Comunque è vero il profumo è ottimo.

    Piace a 1 persona

    • Sophie Cognac ha detto:

      Ho immaginato uno scenario apocalittico!
      Nel mio caso il signor apicoltore mi fornisce la cera già parzialmente trattata. Come puoi vedere dalle foto la riduce lui in blocchetti, con molte impuritá, ma piuttosto facile da pulire.
      Si può acquistare così anche su amazon.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Io e CookingBeauty

Romina Serafini

CookingBeauty è publicato da Romina Serafini.

facebook logoinstagram logopinterest logoG+ logotwitter logo

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 1.090 follower

Categorie
Instagram
Buona Pasqua e felici spignatti di primavera 💚 . #pasqua2019 #progettoblog #cookingbeauty
Non è la cena! Ma abbiamo una ricetta e la trovi sul blog linkato in bio 👈 . #diybathbomb #bombedabagno #cosmeticifaidate #homemadecosmetics #progettoblog #seleggilmioblogseipiueffervescente 💚
Con la madreperla e l'acido salicilico ci ho fatto una maschera viso dalle proprietà leviganti, elasticizzanti e lenitive per la pelle. La ricetta la trovi sul blog (link in bio). La madreperla l'ho ricavata direttamente dai gusci delle ostriche con un procedimento semplicissimo (trovi pure questo sul blog) 😁 Questa maschera, realizzata a pH basso (4,5), ha effetto peeling e, con le proprietà batteriostatiche dell'acido salicilico, diventa un utile trattamento per l'acne. Se non hai brufoli (ho superato l'acne giovanile da un pezzo pure io 😅) è comunque un prodotto interessante per spianare i segni della pelle e stimolare il rinnovamento cellulare. Se vuoi evitare l'azione esfoliante puoi mantenere il PH a 6/6,5. . #cosmeticifaidate #progettoblog #ecobioblogger #cosmesinaturale #acidosalicilico
Nuova ricetta: un classico tra i rimedi da tenere in casa, la pasta all'ossido di zinco. L'utilizzo è adatto a grandi e bambini (anche molto piccoli) in tutte le situazioni in cui la pelle ha bisogno di immediato sollievo: arrossamenti, irritazioni, scottature, eczemi... 👉 Puoi farla a casa con estrema facilità e pochissimi ingredienti. Trovi la ricetta sul blog (link in bio) . #spignatti #rimedinaturali #progettoblog #ossidodizinco #biobeautyblogger
Skincare completa, tutti prodotti homemade che puoi fare da te con le ricette che trovi sul blog (link in bio) 🙂 Scorri le immagini per vederli tutti 👉👉👉 . #autoproduzionecosmetica #homemadeskincare #cosmeticifattiincasa #biobeautyblogger #progettoblog #seleggilmioblogdiventipiubello 💚💚💚
La zolletta non la mangio, è per dopo, doccia e scrub 😁 Ma prima la colazione e buona domenica 💚 Se vuoi realizzare a casa le zollette di doccia scrub, trovi la ricetta facilissima su #cookingbeauty (il mio blog linkato in bio) . #biobeautyblogger #spignatti #progettoblog #seleggilmioblogdiventipiubello #scrubfaidate #diybeautyrecipes

struccarsiClicca sull’immagine per leggere tutti i post dedicati ai metodi e ai prodotti per struccarsi

lifestyle e off-topicClicca sull’immagine per leggere gli altri articoli di CookingBeauty

Switch-to-Green

STG_challengeIl percorso completo per passare alla cosmesi naturale in 21 giorni. Accetta la sfida!

Previously on CookingBeauty
Follow CookingBeauty on WordPress.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: